Ibla città barocca

manifestazioni ed eventi
a Ragusa Ibla e dintorni

Ragusa Ibla e il suo splendido barocco trovano un esempio lampante nel sontuoso Duomo di San Giorgio, su progetto di Rosario Gagliardi, dopo il terremoto in Val di Noto del 1693. La sua splendida facciata, con il portale centrale ( il portale più vecchio è oggi situato in via Normanni sempre a Ibla ) , relativi festoni e scudo araldico sulle spalle di putti, completano una architettura assolutamente mozzafiato.
  • portale di san giorgio
  • cupola di san giorgio
  • cupola di san giorgio
La frizzante Ragusa Ibla, cui si contrappone la Ragusa superiore , è ormai meta di tantissimi turisti in tutti i periodi dell’anno, soprattutto quando si festeggia il patrono, appunto San Giorgio, e durante l’esibizione di artisti di strada, www.iblabuskers.it , quest'anno dal 7 all'11 Ottobre, si danno appuntamento nelle viuzze e nelle piazze
  • portale di san giorgio
  • cupola di san giorgio
  • cupola di san giorgio
A Giugno-Luglio, musicisti provenienti dalle svariate parti del mondo, si incontrano a Ibla in un contest di canto operistico e musica classica nell’ambito dell’ormai famoso Ibla Grand Prize (quest’anno dal 3 al 13 Luglio, www.ibla.org). Un’altra manifestazione importante della provincia iblea è Cheese Art , biennale di cultura e scienza delle tradizioni casearie ed alimentari del mediterraneo, un riconoscimento ormai consueto per integrare il mondo della ricerca con il mondo della produzione agricola e valorizzare i sistemi produttivi tradizionali, i prodotti caseari e quelli agroalimentari tipici del Mediterraneo ( www.cheeseart.com )
  • portale di san giorgio
  • cupola di san giorgio
  • cupola di san giorgio
Le splendide coste ragusane e il loro mare meraviglioso – da Punta Secca, dove si trova la famosissima casa del commissario montalbano, passando da Donnalucata fino a Pozzallo, - creano una scia incantevole che raggiunge e si confondere poi con le spiagge del siracusano, San Lorenzo, Vendicari, Cala Mosca, Porto Palo, e poi nell’entroterra fino a Siracusa, un’altra capitale del barocco, e il suo splendido Duomo, prima tempio di ordine dorico dedicato ad Athena ( ancora visibili le colonne e lo stilobate sul quale esse poggiavano), fatto erigere dal tiranno Gelone e trasformato in chiesa nel VII secolo e ristrutturato, dopo il terremoto della Val di Noto del 1693, con la costruzione di un grande altare barocco e il rifacimento, nel 1753, della facciata in splendide forme barocche. Come San Giorgio per Ibla, Siracusa dedica un lungo periodo di festeggiamenti per la propria patrona, S. Lucia, senza peraltro dimenticare il Santuario della Madonna della lacrime, meta di pellegrinaggio di centinai di miglia di fedeli durante tutto l’anno ( www.madonnadellelacrime.it ).
  • portale di san giorgio
  • cupola di san giorgio
  • cupola di san giorgio
Volgendo lo sguardo più a nord, il turista non può non essere catturato dalla sommità dell’Etna (www.etnasci.it , www.funiviaetna.com ) il vulcano attivo più grande d’Europa. Inverno o estate che sia, meta di una moltitudine smisurata di turisti, naturalisti, appassionati attratti dalla maestosità della montagna che in qualsiasi ora del giorno riserva sempre qualcosa da scoprire ed ammirare agli occhi attenti dei suoi osservatori. Scendendo dal versante nord del vulcano, si plana verso la splendida Taormina, verso Giardini Naxos, una costa di mare, cultura, buona cucina ed attrattive di prim’ordine. Taormina, che ogni anno conta visitatori da tutto il mondo, è un gioiello incastonato tra scorci di roccia e mare unici al mondo. Giù Isolabella davanti Mazzarò rapisce con quel mare d’incanto, poi la funivia risale su fino a Taormina, tra un nugolo di gustosi ristorantini, tracce d’arte e di storia e un’aura di eventi culturali maestosi cui il Palazzo dei Congressi e soprattutto il Teatro Greco fanno da sfondo magnifico ( www.taorminafilmfest.it ).
  • portale di san giorgio
  • cupola di san giorgio
  • cupola di san giorgio
Volto lo sguardo ad occidente, verso il centro della Sicilia, domina la Valle dei Templi. Vestigia di civiltà antiche ma ancora vive ed inserita dal 1998 nella lista dei luoghi Patrimonio Mondiale dell’Umanità, con il Tempio di Giunone, il Tempio della Concordia e numerosi altri siti archeologici rilevanti che fanno di Agrigento un’ ambita meta turistica in tutti i periodi dell’anno, soprattutto durante la sagra del mandorlo in fiore ( www.mandorloinfiore.net ) , con la vicinanza di un altro luogo di interesse culturale, la casa natale di Luigi Pirandello, posta su un altopiano a strapiombo sul mare e meta anch’essa di miriadi di turisti.